• Italian
  • English
Societą Italiana Musica Contemporaneailsussidiario.netABEditore
Home arrow concerti arrow Dettagli
  Stampa
concerti - Dettagli

Evento
quando: 24.03.2010 | 21.00 h  
Titolo dell'Evento Gioivano in coro le stelle del mattino
dove: Cappella degli Scrovegni - Padova
Categoria: classica
 
Descrizione Evento:


 

GIOIVANO IN CORO LE STELLE DEL MATTINO:

la Cappella degli Scrovegni di Giotto tra musica e pittura.

   

L’evento si propone come una meditazione (a cavallo tra musica e pittura) sulla storia della Salvezza secondo la particolarissima angolazione prospettica che troviamo in uno dei massimi capolavori di Giotto: la Cappella degli Scrovegni di Padova.  Il titolo stesso, tratto dal libro di Giobbe, si lega intimamente con la magnifica volta stellata di S. Maria in Arena. La peculiarità dell'evento è la messa in atto di una sinergia tra musica, parola ed immagine pittorica. Gli affreschi della Cappella sono stati divisi in otto sequenze narrative e ognuna delle parti è stata assegnata ad un compositore perché la “commentasse” musicalmente ed entrasse realmente in dialogo con le vicende narrate e con la peculiare angolazione che il grande pittore toscano ha saputo/voluto darne. Come elemento di aiuto all’immedesimazione con quanto rappresentato da musica e pittura, in apertura di ogni sequenza narrativa è prevista la recitazione di un breve testo introduttivo.

  

Musiche di:

Carlo Galante, Riccardo Riccardi, Umberto Bombardelli,

Maurizio Biondi, Luca Belloni, Pippo Molino, Biancamaria Furgeri

   

Programma:

STORIE DI GIOACCHINO ED ANNA - Carlo Galante: Il bacio, la porta e l'angelo

INFANZIA DELLA VERGINE - Bianca Maria Furgeri: L'amata - Scene dalla vita di Maria

ANNUNCIAZIONE - Pippo Molino: Annunciazione

NATIVITA' ED INFANZIA DI CRISTO - Umberto Bombardelli: Rex ad Reges

VITA PUBBLICA DI CRISTO - Roberto Tagliamacco: La risurrezione di Lazzaro

PASSIONE E MORTE DI CRISTO - Maurizio Biondi: Tre studi per la Passione

RISURREZIONE, ASCENSIONE E PENTECOSTE - Riccardo Riccardi: Blu Giotto

GIUDIZIO UNIVERSALE - Luca Belloni: Il Giudizio e la Gloria (da Historia Mundi)

 

ENSEMBLE WEBERN:

Chiara De Monte, flauto

Claudio Miotto, clarinetto

Elisa Saglia, violino

Luciano Chillemi, chitarra

Michele Zappaterra, pianoforte

 

Luca Belloni, direttore

 

- ingresso RISERVATO -

 
Sede
Sede Cappella degli Scrovegni
Pagina principale: http://www.cappelladegliscrovegni.it  
Indirizzo: Piazza Eremitani, 8
CAP: 35100
Città Padova
Nazione: IT
 
Descrizione sede:

Cappella degli Scrovegni - internoLa Cappella intitolata a Santa Maria della Carità, affrescata tra il 1303 e il 1305 da Giotto su incarico di Enrico degli Scrovegni costituisce uno dei massimi capolavori dell'arte occidentale. La narrazione ricopre interamente le pareti con le storie della Vergine e di Cristo, mentre nella controfacciata è dipinto il grandioso Giudizio Universale, con il quale si conclude la vicenda della salvazione umana. L'edificio era originariamente collegato al palazzo di famiglia, fatto erigere dopo il 1300, seguendo il tracciato ellittico dei resti dell'arena romana. Da quando, nel 1880, la Cappella è stata acquisita dalla città di Padova, gli affreschi sono stati continuamente oggetto di particolari attenzioni e, nell'Ottocento e nel Novecento, sono stati compiuti svariati interventi conservativi. Dagli anni settanta Cappella degli Scrovegni - esternofino ai giorni nostri, grazie alla stretta collaborazione tra Amministrazione locale, Soprintendenze e Istituto Centrale per il Restauro, sono stati compiuti accurati studi e monitoraggi sullo stato dell'edificio, sulla qualità dell'aria, sui fattori inquinanti, sullo stato di conservazione delle pitture. La costruzione del nuovo corpo di accesso, unitamente all'installazione di un impianto di trattamento dell'aria, permette di gestire il forte flusso dei visitatori in modo tale da non pregiudicare la conservazione degli affreschi. Gli ultimi controlli, evidenziando una stabilizzazione della situazione, hanno permesso di eseguire il restauro, svolto dall'Istituto Centrale per il Restauro grazie al protocollo di intesa siglato tra il Comune e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali.